Stampa

Le Grandi Mostre

LE GRANDI MOSTRE
gurda il video della mostra "C'era una volta Presini"
dall’idea di allestire una mostra presso le Sale Museali del Baraccano, si è dato vita ad un autentico evento. “BURATTINI A BOLOGNA: Mostra, spettacoli e conferenze” è stata la formula vincente ideata dal direttore artistico Riccardo Pazzaglia. L’evento ha riscosso di anno in anno un successo crescente dimostrando che lo spettacolo dei burattini, tipico esempio del teatro popolare bolognese del passato, rappresenta tuttora un’arte importante, per nulla minore alle altre ed ancora in grado di emozionare il pubblico di ogni età e provenienza.
La Mostra è stata concepita con un interessante percorso didattico diversificato per contenuti nelle varie edizioni. Gli spettacoli della domenica pomeriggio, allestiti dalle più rinomate Compagnie del territorio, hanno garantito, oltre al divertimento, la divulgazione chiara del messaggio che le teste di legno sono vive e vegete anche ai nostri giorni. Le conferenze del sabato pomeriggio hanno costituito momenti di approfondimento per conoscere meglio il fantastico mondo dei burattini tradizionali: studiosi, appassionati, burattinai e burattini hanno dibattuto su importanti tematiche allietando il pubblico presente con performance dal vivo.
Determinante per la divulgazione e il futuro dei burattini è stato introdurre durante la settimana visite guidate gratuite dove hanno aderito in massa soprattutto le scuole primarie del territorio

 

Anno 2010
BURATTINI A BOLOGNA
Nel Regno della Fantasia
Mostra   Spettacoli   Conferenze
direzione artistica Riccardo Pazzaglia
Sale Museali del Baraccano
Via S.Stefano, 119 - Bologna


In questa edizione il viaggio “Nel Regno della Fantasia” attraverso atmosfere, personaggi, fondali e oggetti di scena appartenenti ad un piccolo mondo che continua a emozionare grandi e piccini e a stupirci con la sua antica semplicità.

Anno 2009
BURATTINI A BOLOGNA
C'era una volta Presini
Mostra   Spettacoli   Conferenze
direzione artistica Riccardo Pazzaglia
Sale Museali del Baraccano
Via S.Stefano, 119 - Bologna

Ultimo vero burattinaio di Piazza, Demetrio Presini in arte Nino, è una delle personalità più emblematiche e discusse della storia del teatro dei burattini. In mostra è stato esposto tutto il materiale storico creato e utilizzato da Presini per la realizzazione dei suoi spettacoli. Completato da suggestivi percorsi fotografici. Oltre alla figura del burattinaio, sottolineata anche da immagini inedite, il percorso espositivo si amplia facendo emergere aspetti inediti dell’artista che nell’intimità si dilettava a dipingere quadri e a scrivere poesie e canzoni.


 

 

Anno 2008
BURATTINI A BOLOGNA
Maschere, Persone  e Personaggi
Mostra   Spettacoli   Conferenze
direzione artistica Riccardo Pazzaglia
Sale Museali del Baraccano
Via S.Stefano, 119 - Bologna


Numerose maschere sono state ispirate da persone realmente esistite, così da un tronfio cattedratico dell’ateneo bolognese del ‘500 ha preso vita Balanzone, da maschera della Commedia dell’Arte a testa di legno il passo è breve. Successivamente i personaggi del contemporaneo sono stati catapultati nel magico mondo dei burattini. Per omaggio, per satira, per esigenze sceniche, caricature o ritratti sono nati innumerevoli capolavori, pezzi unici di artisti che oltre alle figure classiche hanno realizzato persone con i burattini.


Anno 2007
BURATTINI A BOLOGNA
Sganapino compie 130 anni
Mostra   Spettacoli   Conferenze
direzione artistica Riccardo Pazzaglia
Sale Museali del Baraccano
Via S.Stefano, 119 - Bologna

Dalla fantasia del giovane burattinaio Augusto Galli, allievo dei grandi maestri Cuccoli, nel 1877 a Bologna prende vita un nuovo personaggio destinato a entrare a far parte delle maschere storiche tradizionali assieme a Balanzone, Fagiolino e Flemma: Sganapino. Il più giovane personaggio delle tradizionali burattinate bolognesi, che nel 2007 ha compiuto 130 anni, è stato il protagonista indiscusso dell’evento.



Ma è proprio vero che i burattini sono destinati a scomparire e quindi sono in procinto di essere definitivamente riposti nel “panierone di Cuccoli”?

di Roberta Montanari
Maestra elementare della Scuola XXI Aprile
coltissima appassionata di teatro e tradizioni popolari

- Io credo che questa convinzione altro non sia se non uno dei luoghi comuni che, nato per un malinteso senso di modernità, è andato diffondendosi, fino a radicarsi come “verità” assoluta -

SCARICA L'ARTICOLO

 

 


Share